Archivi tag: esc

Eurovision Song Contest 2019, si aprono le danze. Ecco i risultati della prima semifinale.

Si aprono le danze dell’ Eurovision Son contest 2019 in diretta da Tel Aviv.

Questa sera si è tenuta la prima semifinale che ha visto esibirsi i primi 17 paesi in gara e fra loro solo 10 hanno passato il turno e si esibiranno nella finalissima di sabato, mentre gli altri 7 sono stati ufficialmente eliminati.

I 10 paesi che hanno passato il turno sono Grecia, Bielorussia, Serbia, Cipro, Estonia, Repubblica Ceca, Australia, Islanda, San Marino e Slovenia, mentre quelli eliminati sono Cipro, Montenegro, Finlandia, Polonia, Portogallo, Georgia e Belgio.
L’appuntamento ora è per giovedì sera, quando si terrà la seconda semifinale con i restanti 18 paesi in gara.

Eurovision Song Contest, i paesi che sono andati in finale

05 Slovenia | Zala Kralj & Gašper Šantl | Sebi
06 Repubblica Ceca | Lake Malawi | Friend of a Friend
07 Ungheria | Joci Pápai | Az én apám
08 Bielorussia | Zena | Like It
09 Serbia | Nevena Božović | Kruna
12 Australia | Kate Miller-Heidke | Zero Gravity
13 Islanda | Hatari | Hatrið mun sigra
14 Estonia | Victor Crone | Storm
16 Grecia | Katerine Duska | Better Love
17 San Marino | Serhat | Say Na Na Na

Annunci

La ‘Qualità’ di una giuria a Sanremo. La critica di EM

Premetto, ho tifato Mahmood sin dal primo ascolto e l’ho anche votato. Quindi sono pienamente soddisfatto, ma una critica sulla ‘qualità’ della giuria vorrei farla.

Il dato finale certo è che Mahmood ha vinto con una media ponderata del 38.9%, Ultimo si è arrivato a conquistare la il secondo posto con il 35.6% ed Il Volo ha raggiunto al terza posizione con il 25.5%. Il dato del televoto da solo era decisamente diverso: Ultimo per il pubblico da casa era il primo, con con il 46.5% delle preferenze, Il Volo ha conquistato un notevole 39.4% dei consensi e Mamhood solo il 14.1% dei voti.

È giusto ponderare i voti delle varie giurie, allo stesso modo avere giurie diverse in quanto basandosi solo con il televoto si rischia lo stesso casino successo nel 2010 quando a trionfare fu Valerio Scanu o nel 2009 Marco Carta mega supportati dal televoto in quanto provenienti da un talent ma poi musicalmente e discograficamente, dopo meno di un decennio, quasi scomparsi. Consiglierei di rivedere questa giuria di ”qualità”, a parte il Maestro Pagani e qualche altro membro faccio difficoltà a capire dove sia la qualità e l’utilità di una Elena sofia Ricci, Claudia Pandolfi o della Carlucci lo scorso anno.

Mettendomi nei panni di un’artista è umiliante essere giudicati da … da chi?

Onestamente mi sento offeso anch’io.

La cosa puzza, quindi a cosa può servire questa ipotetica qualità? a stroncare gli artisti?

Basti pensare agli anni passati e alle penalità che egreggiamente hanno riservato ad artisti come ad esempio Annalisa, penalizzata nel 2014 e nel 2016 per puro bigottismo, solo perché proveniente da un talent ma artisticamente valida. Di certo ha avuto modo di riscattarsi, com’e che di dice? Il cavallo buono si vede a lunga corsa.

Forse bisogna rivedere il concetto di Qualità  o di Esperti e conoscerne il significato.

Siamo onesti, secondo voi il duetto di Motta e Nada è stato il più bello?

Ma dai…

Una giuria di qualità dovrebbe essere composta da maestri d’orchestra, produttori, musicisti, speacker radiofonici, deejay ma anche da noi blogger di musica ovvero da gente che mastica, ascolta e fruisce tanta ma tanta Musica.

 

Festival di Sanremo 2019, 24 i Big in gara. Ecco il regolamento.

Il regolamento del Festival di Sanremo 2019, ecco le novità introdotte dal direttore artistico Claudio Baglioni: nella nuova edizione, i Campioni in gara passeranno da 20 a 24, comprenderanno anche i due vincitori della sezione Giovani, che verrà scorporata dalla kermesse e che andrà in onda in prime time su Rai1 il 20 e 21 dicembre prossimi. Di conseguenza, stavolta nelle quattro serate festivaliere in programma dal 5 al 9 febbraio, l’attenzione sarà tutta rivolta ai Big, non saranno soggetti ad eliminazioni ed accederanno tutti alla finale. Ecco, nel dettaglio, il regolamento e il meccanismo di Sanremo 2019, serata per serata

Prima Serata, martedì 5 febbraio 2019

Interpretazione-esecuzione delle 24 canzoni in gara da parte dei 24 Artisti. Le votazioni per ognuna delle suddette canzoni avverranno con sistema misto. Al giudizio concorreranno il pubblico, tramite Televoto, la giuria Demoscopica e la giuria della Sala Stampa.

Seconda Serata, mercoledì 6 febbraio 2019

Interpretazione-esecuzione di 12 canzoni in gara. Le votazioni avverranno con sistema misto. Anche stavolta gli artisti con i loro brani riceveranno il giudizio del pubblico, tramite Televoto, della giuria Demoscopica e della giuria della Sala Stampa.

La media tra le percentuali di voto ottenute in Serata e quelle ottenute nelle Serate precedenti determinerà una classifica delle 24 canzoni/Artisti. Al termine della puntata, la Rai assegnerà un premio speciale all’interpretazione più votata nel corso della serata stessa.

Quinta Serata – Serata Finale, sabato 9 febbraio 2019

Interpretazione-esecuzione di tutte le 24 canzoni in gara. Le votazioni avverranno con sistema misto: del pubblico, tramite Televoto, della giuria della Sala Stampa e della giuria degli Esperti. Al termine delle votazioni, la media tra le percentuali di voto ottenute in Serata e quelle ottenute nelle Serate precedenti determinerà una classifica delle 24 canzoni e dei rispettivi artisti.

Seguirà una riproposizione – attraverso esecuzione dal vivo o attraverso un rvm dell’ultima esibizione effettuata – delle 3 canzoni (o parti di esse) che hanno ottenuto il punteggio complessivo più elevato nella suddetta classifica. Al termine, si procederà a una nuova votazione, sempre con sistema misto: Televoto, giuria della Sala Stampa e giuria degli Esperti. La media tra le percentuali di voto ottenute in quest’ultima sessione di votazione e quelle ottenute nelle votazioni precedenti determinerà una nuova classifica delle 3 canzoni e dei rispettivi interpreti.

La canzone prima in classifica verrà proclamata Vincitrice di Sanremo 2019. Verranno poi proclamate anche la seconda e la terza classificate.

Nina Zilli torna con un nuovo singolo e un nuovo amore.

Anche Nina Zilli, reduce dalla partecipazione a Sanremo 2018 con “Senza appartenere”, sta per lanciare il quarto inedito dall’album “Modern Art”. La canzone è “1XUnattimo”, in uscita venerdì 16 marzo.

ZILLI

Il disco, prodotto da Michele Canova e registrato tra Milano e la Jamaica.

Dopo “Mi hai fatto fare tardi”, “Domani arriverà” e il brano sanremese “Senza appartenere”, che si è piazzato solo in diciassettesima posizione, la cantante piacentina torna alla ribalta con questo pezzo, caratterizzato da influenze urban e soul, che ben si amalgamo con la potente voce dell’artista classe 1980.Questo brano, contro le armi e le guerre, si parla anche di unione dei popoli: la Zilli vorrebbe che tutti fossimo una cosa sola, anche se solo per un attimo…

Intanto la Zilli è volata a Miami con Omar Hassan, il suo nuovo fidanzato. Hassan, 31 anni di Milano, è un pugile-pittore. La sua tecnica si chiama punching painting, una nuova forma d’arte, cioè prende letteralmente a pugni la tela e ne costruisce un’opera d’arte.

5780534_CD_6_4COL.indd