Archivi tag: Piano

ALESSANDRO MARTIRE, esce per Carosello Records “Share the world”, il nuovo album del pianista e compositore comasco

 

Si intitola “SHARE THE WORLD”, l’album di esordio di Alessandro Martire, giovane pianista, compositore e imprenditore comasco, annoverato tra i migliori artisti contemporanei del suo genere. Il disco, uscito per Carosello Records, è disponibile in streaming e nei digital store da oggi, venerdì 10 aprile 2020: https://orcd.co/sharetheworld

Atmosfere oniriche, a metà strada tra composizioni classiche ricche di suggestioni cinematografiche e ballad pop, costituiscono il fil rouge dell’album, anticipato dal singolo “LEJ” e ispirato al tema del volo. 11 tracce condotte dal pianoforte (solo, in duo col violoncello e accompagnato dall’orchestra) che parlano di desideri, di fioritura dell’anima, di incontri, della voglia di tornare a viaggiare, che infondono speranza e gettano il cuore oltre l’ostacolo del momento che stiamo vivendo.

 

Gli spartiti delle musiche sono disponibili qui in una versione consultabile e sfogliabile, in ordine di tracklist. Una sorta di libretto da sfogliare e suonare.

 

Lo scorso febbraio Alessandro ha presentato il disco in anteprima all’aeroporto di Lugano Agno, tra gli arei dell’aviazione privata del principale aeroporto del Ticino. Dopo essersi esibito su una piattaforma galleggiante sul lago di Como (video LEJ), Alessandro ha portato la sua musica in quota, esibendosi su un pianoforte installato nel Pilatus PC12 del Club ST.Xe, una volta atterrati, in pista per un ristretto numero di persone (video FLYING NOTES).

 

“Il tema del viaggio – afferma Martire – è centrale nel mio nuovo album. In volo tra i miei numerosi viaggi ho scritto e ideato molte musiche e risuonarle live a bordo è stato magico.”

 

Eccellenza italiana all’esteroAlessandro Martire è una sapiente miscela di musica classica contemporaneapop, minimalista e crossover, che gli ha permesso di raggiungere uno stile personalissimo apprezzato dal pubblico, dalla critica e da grandi marchi internazionali che hanno scelto le sue musiche per spot e colonne sonore.

La sua attività concertistica con musiche originali lo ha portato a esibirsi in tutto il mondo, con già all’attivo tour in Cina, Russia, Corea, Stati Uniti e Regno Unito, solo per citare alcuni dei paesi che ha toccato con la sua musica.

Il prossimo autunno verrà recuperato il progetto Kel 12 National Geographic Expeditions, che prevede una performance esclusiva nel deserto del Wahiba Sands in Oman.

Il giovane siciliano Salvatore Sabatino rimasto a Milano continua viaggiare dalla sua terra grazie alla musica

Mentre il Premier annuncia che la quarantena non è finita, c’è chi esce ugualmente. E lo fa annunciandolo sui suoi canali social.

#oggiioesco scrive Salvatore Sabatino, esco sulle ali della musica.  

Con il suo pianoforte Salvatore continua viaggiare dalla sua terra e per il mondo pur rimanendo a casa grazie alla musica, quella che suona tutti i giorni per studio perché frequenta il conservatorio Giuseppe Verdi e per amore. Salvatore ha 23 anni ed è un terrone andato a Milano per inseguire il suo grande sogno: la musica. Per lui ogni nota è una emozione unica sia nell’ascoltarla che nel suonarla.

La musica, si sa, accompagna momenti belli e brutti della vita ed anche questo periodo che ci vede prigionieri dentro le nostre mura. Una reclusione necessaria se vogliamo veramente vincere questo nemico invisibile che è il Coronavirus.

In queste settimane ognuno si è inventato qualcosa per movimentare le giornate e per comunicare. Salvatore ha continuato a suonare il piano e attraverso questo strumento esprime le sue sensazioni, i suoi stati d’animo, le sue paure, le sue gioie e tutto quello che lui sente.

Dopo tanti tentennamenti ha postato, come stanno facendo in tanti, una sua composizione musicale.  #oggiioesco dice Salvatore con il suo pezzo che ti porta fuori, che ti fa viaggiare, in giro per il mondo, che ti riempie l’anima e il cuoreVedi il video

Lo studente siciliano di origini madonite scrive anche nel suo post che è “inutile cercare di dare un giudizio oggettivo ad alcune nostre scelte. Ogni scelta porta delle conseguenze che ci arricchiscono, ci danneggiano, ci provocano dolore o gioia, ma che siamo inevitabilmente costretti a vivere sulla nostra pelle.

Io scelgo di vivere con la musica. Scelgo il modo in cui essa mi arricchisce, mi danneggia, mi provoca dolore o gioia, ma scelgo soprattutto il modo in cui essa mi fa crescere ogni giorno, il modo strano che ha di sorprendermi.

Scelgo di allontanarmi dalla mia terra, dalla mia famiglia per stare vicino a ciò che mi rende libero perché questo è l’unico modo per capire ciò che loro mi hanno donato.

PIANO CITY PALERMO: dal 27 al 29 settembre torna il festival di pianoforte che trasforma la città in un grande palcoscenico.

Da venerdì 27 a domenica 29 settembre torna PIANO CITY PALERMO, il festival di pianoforte che trasforma Palermo in un grande palcoscenico. Oltre 50 ore di musica riempiranno le strade, le piazze e i quartieri del capoluogo siciliano, proponendo percorsi urbani e itinerari tematici nei luoghi più suggestivi della città

La terza edizione di Piano City Palermo può contare oltre 100 candidature ricevute da pianisti di tutto il mondo. Innovazione, sostenibilità e desiderio di scoperta sono le parole chiave di un festival che ha fondato le sue radici in una città che mai come ora è simbolo dell’accoglienza, nel cuore del Mediterraneo.

Piano City Palermo è un progetto diAssociazione Piano City Milano, della Fondazione Teatro Massimo e del Comune di Palermo, in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Alessandro Scarlatti già Vincenzo Bellini” di Palermo. A cura di Accapiù, l’edizione del 2018 ha coinvolto più di 30.000 persone, che hanno assistito a 68 concerti diffusi in più di 30 location sparse per la città (come le maratone pianistiche ospitate al Teatro Massimo), confermando un trend sempre in crescita.

Piano City Palermo nasce nel 2017, forte dell’esperienza maturata dalle cinque edizioni di Piano City Milano. È un progetto partecipato, con un forte coinvolgimento cittadino, in cui la cittadinanza, i privati e i partner culturali collaborano insieme per una città sempre più vivibile e aperta.

Una scommessa che ha incontrato l’entusiasmo e il sostegno dell’intero tessuto culturale e sociale della città: musicisti, aziende, media, istituzioni, associazioni che oggi vede Piano City Palermo come uno degli eventi diffusi più amati dai cittadini di Palermo, e non solo.

Via all’ottava edizione di PIANO CITY MILANO.Questa sera anteprima per Apple Music Live con: Dardust, Boosta e tanti altri.

Piano City Milano, il festival di pianoforte che ogni anno dal 2012 trasforma la città in una grande sala da concerto! Oltre 50 ore di musica e 450 concerti gratuiti animeranno giorno e notte i molti centri di Milano e la sua ineguagliabile misura umana di quartieri, case, terrazze, grattacieli, parchi, giardini, cortili, gallerie d’arte e teatri. Un festival aperto e partecipativo che ruota anche quest’anno su due perni principali: il Piano Center della GAM per i concerti diurni e il Piano Center dellaPalazzina Liberty per quelli notturni.

Oggi, giovedì 16 maggio, alle 21.00, in occasione del 3° appuntamento della serie musicale Apple Music Live: Piazza Liberty, dieci pianisti proporranno in anteprima un assaggio del programma dell’ottava edizione diPiano City Milano. Questi gli artisti della serata: Dardust, Francesco Grillo, Roberta Di Mario, Davide “Boosta” Dileo, Remo Anzovino, Andrea Rebaudengo, Ginevra Costantini Negri, Alfonso Alberti, Ricciarda Belgiojoso ed Enrico Intra. Sarà possibile accedere all’evento a partire dalle ore 20.00, fino a esaurimento posti. 

Piano City Milano 2019 verrà ufficialmente inaugurato domani, venerdì 17 maggio, alle 21.00 sul palco del Main Stage della Galleria d’Arte Moderna – Villa Reale dal pianista islandese Ólafur Arnalds. Arnalds porterà le suggestioni della natura estremistica della sua isola direttamente nel centro di Milano, attraverso la sua musica sperimentale che spazia tra folk ed elettronica. Protagonisti del suo concerto saranno un gran coda e due pianoforti verticali apparentemente disabitati, ma in realtà pilotati dalla tastiera madre, attraverso una combinazione di piccolo artigianato e intelligenza artificiale.

Per quelli che non riusciranno a entrare alla GAM per il concerto, l’esibizione di Olafur Arnalds verrà proiettata su un maxi-schermo presso i Giardini Pubblici Indro Montanelli.

I concerti di Piano City Milano proseguono anche di notte, presso la Palazzina Liberty, che si trasforma nelPiano Center notturno, dove la scelta artistica è ricaduta sulla conciliazione fra pianoforte ed elettronica, fra tecnica e sperimentazione. I concerti potranno essere ascoltati tramite l’uso di cuffie wireless, per permettere agli ascoltatori di potersi immergere nella bellezza della musica anche dall’esterno, sotto la luce della luna e delle stelle.

Il programma della notte di venerdì 17 si apre allo scoccare della mezzanotte con Bill Laurance, pianista degliSnarky Puppy e sperimentatore neoclassico, cui seguiranno Hania Rani all’1.00 con musiche ispirate ai paesaggi islandesi e Chad Lawson alle 2.00 con la sua commistione tra musica classica e free form del jazz improvvisato. Chiude Lambert, alle 3.00, il pianista tedesco che cela la sua figura dietro una maschera sarda.

Piano City Milano 2019 non è solo musica classica e jazz, ma anche rock. Due gli appuntamenti di venerdì 17 maggio dedicati alla musica dei Queen: in collaborazione con Intesa Sanpaolo, Gabriele Baldocci suonerà alle17.30 presso la filiale bancaria di Via Verdi; mentre Ettore Bove porterà la sua personale interpretazione del quartetto britannico alle 18.00 alla Casa Circondariale San Vittore.

Tra gli altri appuntamenti da segnalare: le prime note di Piano City Milano che verranno suonate da Dolores Privitera alle 11.00 all’Università Commerciale Luigi Bocconi; il concerto Children’s Songs eseguito daRicciarda Belgiojoso in collaborazione con Diamo il La alle 14.15 alla Scuola Infanzia Pier Capponi e il concerto Orient Express, in collaborazione con Grandi Stazioni Retail, alla Stazione

PIANO CITY MILANO 2019: il programma completo degli eventi del festival di pianoforte che si terrà nel capoluogo lombardo dal 17 al 19 maggio.

IL PROGRAMMA COMPLETO DEGLI EVENTI OLAFUR ARNALDS, ALAN CLARK BOOSTA, DARDUST

…E MOLTI ALTRI!

Venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 maggio 2019 torna PIANO CITY MILANO, il festival di pianoforte che ogni anno dal 2012 trasforma la città in una grande sala da concerto! Oltre 50 ore di musica e 400 concerti gratuiti animeranno giorno e notte i molti centri di Milano e la sua ineguagliabile misura di quartieri, case, terrazze, grattacieli, parchi, giardini, cortili, gallerie d’arte e teatri. Un festival aperto e partecipativo che ruota anche quest’anno su due perni principali: il Piano Center della GAM per i concerti diurni e ilPiano Center della Palazzina Liberty per quelli notturni.

Piano City Milano è un progetto diAssociazione Piano City Milano con Comune di Milano, a cura di Ponderosa Music & Art e Accapiù; con il sostegno dei main partnerIntesa Sanpaolo, Campari Soda, del partnerVolvo, la collaborazione istituzionale diFondazione Cariplo e dei partner tecniciSteinway & SonsFazioliFurcht/KawaiGriffa & FigliPassadori PianofortiSteingraeber & Söhne, Tagliabue, Tarantino Pianoforti, Schimmel, Scorticati Pianoforti AIARP che mettono a disposizione gli strumenti. Si rinnova anche per l’edizione 2019 la partnership con Corriere della Sera eViviMilano.

PIANOCITY_ph federica cicuttini-4_ b.jpg

Venerdì 17 maggio alle 21.00 sarà il pianista islandese Ólafur Arnalds a inaugurare il festival sul palco del Main Stage della Galleria d’Arte Moderna – Villa Reale. Arnalds porterà le suggestioni della natura estremistica della sua isola direttamente nel centro di Milano, attraverso la sua musica sperimentale che spazia tra folk ed elettronica. Sarà un concerto spettacolare che prenderà vita intorno a tre pianoforti.

Il Main Stage della GAM sarà teatro di concerti serali di musicisti internazionali.

Sabato 18 maggio alle ore 19.15 aprirà Henri Herbert, uno dei più ricercati pianisti di boogie woogie al mondo, seguito alle ore 20.20 daAlan Clark, genio ribelle del pianoforte e celebre tastierista dei Dire Straits, di Eric Clapton e di Bob Dylan. Chiuderanno la serataChristian Sands, tra i pianisti jazz più apprezzati per swing e fraseggio, che salirà sul palco alle ore 21.25 e Davide “Boosta” Di Leo, fondatore e storico membro dei Subsonica, che alle 22.30 si esibirà con una composizione scritta per l’occasione e dedicata all’anniversario dell’allunaggio.

Domenica 19 maggio alle 19.15 salirà sul palco l’energia esplosiva del ritmo cubano diRamon Valle, seguito alle 20.20 dal flamenco di Pablo Rubén Maldonado. Alle 21.25 sarà la volta del giovane talento franco-libanese Rami Khalife, apprezzato a livello internazionale per la fusione tra musica pianistica ed elettronica. Chiuderà la serata alle 22.30 Danilo Rea, tra i maggiori pianisti jazz italiani, con il suo omaggio a Fabrizio De André.

Le albe di sabato e domenica sono affidate adAlexandra Streliski, compositrice franco-canadese di musica neoclassica, che suonerà davanti alla suggestiva basilica di Santa Maria delle Grazie e del suo Refettorio e al pianista italo-turco Francesco Taskayali che si esibirà davanti al Cavallo di Leonardo all’Ippodromo Snai San Siro.

Il programma di Piano City Milano è ricchissimo di proposte e offre innumerevoli concerti, che attraversano la città dal centro alla periferia. Dal nuovo quartiere milaneseNoLo, alle Colonne di San Lorenzo, da Piazza Gae Aulenti al 38° piano di Palazzo Lombardia.

Uno degli appuntamenti più sentiti e attesi di questa edizione sarà il concerto al Bosco di Rogoredo: un evento dal forte impatto simbolico in un importante spazio verde milanese che di giorno in giorno viene sottratto all’illegalità con un intenso lavoro di istituzioni, autorità e associazioni. Protagonista saràEmanuele Misuraca alle ore 16.00 di domenica 19 maggio.

Un altro importante concerto nelle periferie urbane sarà quello di Dardust a Gratosoglio. Con le simboliche torri sullo sfondo, il pianista e produttore Dario Faini domenica 19 maggioalle ore 19.30 si cimenterà in un concerto di musiche originali, descritto come un racconto in piano solo dei suoi Viaggi musicali.

Tra conferme e novità, l’ottava edizione di Piano City Milano verrà ricordata anche per l’approdo del festival in un luogo simbolo della città, il Cortile della Rocchetta, uno degli spazi più suggestivi del Castello Sforzesco. Festival dentro il festival, il programma dei concerti previsti per la mattina del sabato all’interno del Cortile della Rocchetta si apre con il live del duo pianistico Nicoletta & Angela Feola, dedicato a Leonardo da Vinci, per proseguire con Silas Bassa, uno degli ospiti internazionali più apprezzati, e chiudere con Giuseppina Torre, pianista e compositrice conosciuta e premiata negli Stati Uniti, che si esibisce con brani del proprio repertorio, anticipando alcune composizioni dell’album di prossima uscita.