Archivi tag: red bull

Achille Lauro feat. Cosmo, singolo e video di “Angelo Blu” .

Angelo blu”, nuovo singolo di Achille Lauro feat Cosmo, prodotto da Boss Doms, contenuto nell’album “Pour l’amour” è  uscito venerdì 22 giugno in fisico e in tutti gli store digitali.

Il brano è stato composto sopra il Red Bull Stuidio Mobile, come hanno fatto in passato Mannarino, Samuel e così tanti altri artisti come il tanto acclamato Cosmo e Achille Lauro.

“Angelo blu” è considerato da Lauro molto significativo perché mette a confronto due mondi musicali apparentemente opposti, la SambaTrap e il Synth Pop.

Il testo racconta l’amore, l’amore sofferto – “Angelo mio, polvere di te, l’amour toujours, l’amour souffert” – visto come una dipendenza, una droga, una sofferenza da cui ci si vuole e ci si deve liberare, ma che invece cerchiamo incessantemente perché al tempo stesso ci regala euforia, gioia, passione… è il sale della vita.

“Ultra Pharum”, il video ufficiale. Samuel e Mannarino, elettronica e folk si intrecciano e trovano ispirazione guardando il mare Siciliano

«j’ai dansé sous les nuages. Je suis perdue, la nuit, sans ton amour».

mannarino-samuel-600x340samuel-mannarino-red-bull-studio-mobile-1

Ultra Pharum è la canzone della coppia inedita Samuel-Mannarino, scritta e registrata a bordo del Red Bull Studio Mobile. È un brano creato al sole della Sicilia, davanti al mare, con gli occhi puntati Oltre Il Faro,che poi era il nome dell’isola al tempo del Regno delle Due Sicilie. Per cercare la massima ispirazione per il brano con la luce del giorno Samuel e Mannarino hanno passato un po’ del loro tempo a Castellammare del Golfo. Hanno immaginato le storie e le vite passate, annegate, vissute al di là del faro, appunto, lungo la rotta sventurata Africa-Europa.

Durante la session hanno conosciuto una ragazza del posto madrelingua francese, Benedetta di Pasquale, e lei è diventata la voce femminile di Ultra Pharum. «Abbiamo deciso di inserire nel brano le sensazioni e le persone vissute di giorno in giorno», racconta Alessandro Mannarino. «Per esempio c’era un centro di accoglienza che ospitava giovani senegalesi: siamo andati a conoscerli e li abbiamo invitati»