Archivi tag: Brit Awards

BILLIE EILISH canta per la prima volta ai BRITS “NO TIME TO DIE” e riceve il premio International Female Solo Artist

Dopo aver sbancato i Grammy Awards e aver ammaliato tutti durante la notte degli OSCAR, la pluripremiata BILLIE EILISH ha presentato per la prima volta live ieri sera durante la cerimonia di consegna dei BRIT AWARDS il suo nuovo singolo “NO TIME TO DIE”, brano ufficiale del prossimo film di James Bond. Ad accompagnarla sul palco il fratello e produttore FINNEAS, Hans Zimmer (che ha curato gli arrangiamenti orchestrali) e Johnny Marr (leggendario chitarrista degli Smiths). È possibile rivedere qui l’esibizione: https://www.youtube.com/watch?v=2I1ZU5g1QNo.

NO TIME TO DIE”, tra i brani più ascoltati al mondo con già oltre 23 milioni di riproduzioni solo su Spotify, precede l’uscita globale del film, che arriverà nei cinema il 2 aprile nel Regno Unito e negli Stati Uniti il 10 aprile.

BILLIE EILISH, la più giovane artista della storia ad aver scritto e registrato il brano portante della colonna sonora di un film della saga di James Bond, ha raccontato: “è pazzesco essere parte di questo progetto. È un grandissimo onore firmare il brano portante del film che è parte di una serie così leggendaria. James Bond è la saga più incredibile che esista. Sono ancora scioccata”. Aggiunge Finneas: “Scrivere la colonna sonora di un film di James Bond è qualcosa che abbiamo sempre sognato di fare per tutta la vita. Non esiste un abbinamento più iconico di musica e cinema di artisti del calibro di Goldfinger e Live and Let Die. CI sentiamo così fortunati a recitare un piccolo ruolo in un franchise così leggendario, lunga vita a 007”.

CELESTE: “Stop this flame” nuovo singolo della vincitrice del 2020 Brits Rising Star e del BBC Sound 2020

Celeste, dopo avere vinto il 2020 BRITs Rising Star award e il prestigioso BBC Sound of 2020 presenta il suo nuovo singolo ‘Stop This Flame’. Il brano – pubblicato su etichetta Polydor Records- è il primo assaggio della nuova musica dell’artista britannico-giamaicana. Il 2020 è un anno ricco di impegni, che inizia con l’esibizione alla cerimonia dei BRITs, il prossimo 18 febbraio, dove Celeste si esibirà dal vivo. Dopo i BRITs Awards, Celeste tornerà a marzo in tournée con il cantautore inglese Michael Kiwanuka.

Stop This Flame è una canzone che parla dell’andare fino in fondo”, rivela Celeste. “Che si tratti di non lasciar andare l’amore, di non lasciar andare un sogno o di affrontare le avversità. La canzone ha sempre evocato quei sentimenti dentro di me”.

Celeste, cresciuta a Brighton, attribuisce a suo nonno materno il merito di averle fatto conoscere gli artisti leggendari che hanno poi influenzato il suo sound. Le cassette di Aretha Franklin ed Ella Fitzgerald suonavano a ripetizione nella vecchia Jaguar del nonno tanto da non lasciare indifferente Celeste, che scopriva così il profondo legame con questa musica universale. “Nel mio modo di scrivere canzoni sono molto più ispirata dai cuori affranti”, dice ora. “C’è sempre un lato oscuro, anche se alcune canzoni sono ottimiste. Quei momenti sono stati per me molto stimolanti”.

 

Celeste ha trascorso gli anni dell’adolescenza nella sua cameretta a cantare le cover di Sly And The Family Stone, The Clash e The Specials, Alice Coltrane, Janice Joplin, Thelonius Monk e Ray Charles, fino a comporre le sue prime canzoni originali  completamente autodidatta e aiutata da una voce strepitosa. Nel corso degli anni successivi, la giovane artista ha ottenuto il plauso della critica per i suoi brani, tra cui suo, “Father’s Son”, “Coco Bloode” e “Strange”.

Dal vivo, Celeste ha stupito il pubblico con le prime apparizioni ai festival di Glastonbury e al Primavera Sound, dove ha suonato come artista di supporto di Michael Kiwanuka, Janelle Monae e Neneh Cherry, per non parlare dei tre spettacoli esauriti all’Omeara di Londra a novembre che hanno ottenuto una recensione a cinque stelle da parte della rivista NME: Celeste è “un talento unico nel suo genere… la miglior cantante soul britannica che sia mai emersa negli ultimi anni” …”Se c’è giustizia, la superstar è proprio dietro l’angolo”.

LEWIS CAPALDI: fuori il disco di debutto “Divinely Uninspired To A Hellish Extent” che contiene “SOMEONE YOU LOVED”.

LEWIS CAPALDI pubblica oggi il tanto atteso album di debutto “Divinely Uninspired To A Hellish Extent”, album che contiene il singolo “Someone You Loved”, il più grosso successo in UK dall’inizio dell’anno e uno dei maggiori successi degli ultimi 25 anni già certificato Platino. Il brano non è solo una hit oltre la Manica ma è un successo anche nel nostro paese dove ha già ottenuto il disco d’Oro ed è presente nella Top10 della classifica ufficiale singoli FIMI-GFK (posizione n.8 questa settimana) ed è stabile nella Top20 dei brani più programmati dalle nostre radio (questa settimana alla posizione n.16 di Earone).

L’album, scritto insieme a Jamie Hartman (Calvin Harris & Rag N Bone Man), Malay (Frank Ocean & Lorde) & TMS,ha un titolo volutamente ironico che definisce il lavoro dal punto di vista delle liriche come candido ma per il resto regala un fermoimmagine degli alti e bassi della crescita. La voce di Lewis, assolutamente riconoscibile, si lega a temi come l’amore, la perdita e le sofferenze di cuore.

James Bay torna in radio con un nuovo brano ‘Wild Love’, fuori il 2 Marzo

Vincitore dei Brit Awards 2016 per la categoria miglior artista maschile , James Bay ritorna in radio con un nuovo singolo ‘ Wild Love’, Radio date previsto per il 2 Marzo.

Fresco Fresco dell’annuncio di essere il primo protagonista di UNALTROFESTIVAL 2018 (domenica 8 luglio al Circolo Magnolia di Segrate), ecco che James Bay rende disponibile all’ascolto il suo singolo “Wild Love” che anticipa il secondo album, seguito di quel “The Chaos & The Calm” che nel 2015 ha fatto il botto.

Ecco il video:

L’Artista ha dichiarato: “Ho un nuovo look e un nuovo suono. Ho immaginato un nuovo capitolo. Ci sono momenti nell’album che sono una sorta di ‘ponte’ fra ‘The Chaos & The Calm’ e il nuovo lavoro, ma la cosa più giusta da dire è che ho ascoltato altre cose. Ho approfondito l’ascolto di Frank Ocean, LCD Soundsystem, Chance The Rapper, David Bowie e Lorde“.