Archivi tag: sicilia

FRANCO BATTIATO: “L’ERA DEL CINGHIALE BIANCO” 40th Anniversary Edition

L’era Del Cinghiale Bianco segna la clamorosa svolta pop di Franco Battiato, un’opera considerata un capolavoro destinato a cambiare per sempre le sorti della musica italiana: un album di transizione, tra passato e futuro, tra sperimentalismo prog e pop intellettuale influenzato totalmente dalla New Wave.

Un disco che contiene esoterismo, esotismo, spiritualità, l’amore per le filosofie d’Oriente, la fascinazione per l’India e la Tradizione, lo spirito mordace e ironico nei riguardi del mondo moderno e il legame con la propria terra, la Sicilia.

L’era del cinghiale bianco è l’era della conoscenza immediata, ma come dichiarava in una vecchia intervista qualcuno a noi caro: «Non vedo nessun segno dell’arrivo dell’Era del Cinghiale Bianco – nemmeno fiutando l’aria come gli indiani».

Battiato per la registrazione di questo disco si avvale di musicisti di altissimo spessore: Giusto Pio dirige l’orchestra e suona il violino, insieme a lui ci sono Tullio De Piscopo (batteria e percussioni), Julius Farmer (basso), Alberto Radius (chitarra), Roberto Colombo e Antonio Ballista (tastiere) e Danilo Lorenzini e Michele Fedrigotti (pianoforte).

Il CD in formato Digipack – disponibile anche in tutte le edicole –  contiene 16 tracce con 9 bonus track e Battiato stesso, in occasione di questo 40° Anniversario, sceglie dal suo archivio tre Demo Version mai pubblicate prima: Il Re Del Mondo”, “Stranizza d’Amuri” e“Strade dell’Est”.  Nel CD sono inoltre presenti 2 versioni in lingua straniera, “La Era del Jabalì Blanco” (in spagnolo) e “The King of the World” (in inglese) oltre a 4 brani dal vivo: “Il Re Del Mondo” (Teatro Nazionale Iracheno di Baghdad, 1992), Strade dell’Est” (Arena Romana di Padova, 1994),Stranizza D’Amuri” (Teatro dell’Archivolto di Genova, 1994) e“L’era del Cinghiale Bianco”(Teatro Lirico di Milano, Dicembre 1988). Quest’ultimo brano venne anche inserito in“Giubbe Rosse”, primo album dal vivo di Franco Battiato, uscito nel 1989.

L’LP mantiene la track-listing originale, il VINILE è in versione 180g colorato bianco, edizione limitata rimasterizzata e numerata.

Annunci

ALBERTO URSO: “SOLO” è l’album di debutto del cantate rivelazione di Amici 18.

È lui la novità di Amici 2019, Alberto Urso, il tenore.

Il cantante dagli occhi di ghiaccio si è distinto da subito per la sua voce possente e il suo stile unico, che unisce il classico alla contemporaneità. La padronanza del palco e l’indiscutibile capacità vocale lo hanno incoronato come uno degli alunni più amati della scuola più famosa d’Italia.

Alberto, 21 anni, viene da Messina. Diplomato in teoria e solfeggio presso il Conservatorio musicale di Messina, ha conseguito anche una Laurea Magistrale in Canto Lirico al Conservatorio di Matera. “Solo” contiene 11 tracce (9 inediti e 2 cover) ed è stato prodotto da Celso Valli e Pino Perris.

Tracklist:

  1. INDISPENSABILE
  2. NON SAREBBE PASSIONE
  3. VENTO D’AMORE
  4. ACCANTO A TE
  5. L’AMORE SI SENTE
  6. LA MIA RIVOLUZIONE
  7. IL RUMORE DEL MARE
  8. A UN PASSO
  9. TI LASCIO ANDARE
  10. GUARDA CHE LUNA
  11. ADESSO TU

“Provare” il nuovo singolo dei Yes/se:f, il duo synth-pop palermitano

Gli Yes/se: f sono un duo synth-pop che affonda le proprie radici nelle sonorità anni ‘80, evocando tempi e luoghi lontani riuscendo a fondere atmosfere urban-elettro-pop contemporaneo.

Yes/se:f é un duo synth-pop palermitano composto da Salvo Cascio e Fabrizio Fortunato. Potremmo collocarli benissimo sul filone Indie che sta letteralmente travolgendo la musica Italiana.

Entrambi provenienti da differenti esperienze musicali, hanno iniziato a comporre musica insieme nell’estate del 2015. Nel 2016 esce sul web e in tiratura limitata di 100 pezzi l’ep  #Thisisnotthealbum, una mini raccolta dei brani più rappresentativi composti nel primo anno di attività, a cui segue un mini-tour italiano e, in contemporanea, alcune date a New York (Sylvana, Cake Shop, Subrosa, Swine).

Il 5 giugno 2017 per Dancetool Records il loro primo album, “Prima del sonno”. Il primo singolo estratto dal disco è stato “#MineVaganti” e l’omonimo videoclip è uscito in anteprima esclusiva su Rolling Stone Italia.

‘Afrodite’ è il nuovo album del cantautore Dimartino

Torna il cantautore Siciliano Antonio Dimartino, mancava sulla scena da quando nel 2015 pubblicò “Un Paese Ci Vuole” e da allora sembra sia passata tantissima acqua sotto ponti tanto da ritrovarci nel 2018 con un “nuovo” Dimartino che annuncia l’arrivo del suo prossimo disco dal titolo Afrodite per il 25 Gennaio via 42Records.
Il primo singolo è CUOREINTERO, di cui qui sotto potete vedere il video diretto da Manuela Di Pisa:

Eccole date del tour:

15/02/19 PALERMO – I CANDELAI
16/02/19 CATANIA – MA
21/02/19 MILANO – SANTERIA SOCIAL CLUB
22/02/19 CAVRIAGO (RE) – CIRCOLO KESSEL
28/02/19 TORINO – HIROSHIMA MON AMOUR
09/03/19 COVERSANO (BA) – CASA DELLE ARTI
14/03/19 COSENZA – AUDITORIUM UNICAL
15/03/19 ROMA – MONK
16/03/19 BOLOGNA – LOCOMOTIV CLUB

I primi “Tre passi” degli ‘AFA’

Si chiama ‘Tre Passi” il primo singolo inedito di una nuova band emergente dal sapore Indie-folk , coinvolgente, ritmato e dal carisma Siculo.

Loro sono gli A.F.A. band che nasce tre anni fa con l’incontro di tre ragazzi della provincia di Palermo, Alimena, situata nel cuore della Sicilia.

Andrea Seminara voce e chitarra acustica , Fabio Simili voce e cajon ed Alex Di Maria alla chitarra acustica, da li nasce il nome della band, con le  iniziali dei primi componenti. “A.F.A.”

Ecco cosa ci ha raccontato Andrea Seminara durante la nostra intervista:  “Nel mese di giugno del 2016 iniziammo a provare senza uno studio fisso non avendone la possibilità, il primo studio fu proprio a piedi della balza la collina caratteristica di Alimena, fuori in mezzo alla natura , cantando per lo più canzoni siciliane della grande Rosa balistreri, Carmen consoli, Franco Battiato, iniziammo dunque ad esibirci coltivando sempre più calorosamente un pubblico che da allora ci segue con affetto .

received_10214979399192935

Ad oggi la band si è formata con un totale di sei membri, con l’aggiunta di luca ippolito al basso , filippo ceraolo chitarra e giuseppe polizzi alla tastiera, continuando a suonare e cantare nei vari locali abbiamo ampliato una bella fetta di pubblico, dove finalmente il 1° giugno è uscito il nostro primo singolo “tre passi” facendo da apripista ad altri 10 pezzi che stiamo lavorando e al più presto vedranno luce. Tre passi vuole togliersi il peso di avere dentro di se il pensiero di una persona amata , vuole far uscire quei mostri che non mi permettevano piu di vivere e lasciarmi vivere, dunque era un modo per dire addio ad una persona che non mi permise di ascoltarmi e farsi dire addio. Dunque la scelta di far uscire questo pezzo nasce proprio dal fatto che dopo aver tolto quei mostri ed aver detto addio ad una persona amata , mi sono sentito pronto a compiere tre passi nell’abbracciare la mia chitarra ed un foglio bianco per iniziare a vivere.”

Insomma, per gli AFA bastano ‘tre passi’ per poter rialzarsi. Una voce di speranza che vuole comunicare tanta forza di andare avanti cercando di non bloccarsi e chiudersi dentro di se, anzi al contrario, aprirsi  e ‘riprendersi in mano il tempo rubato’.

Un singolo a Km 0,  dalla scrittura all’arrangiamento alla produzione passando dal video, girato per le vie del paese facendo da cornice a questi primi “Tre passi” degli AFA.

 

“Mio Fratello”, Biagio Antonacci feat. Mario Incudine, nel video diretto da Gabriele Muccino ci sono anche i ‘Fratelli’ Fiorello.

Torna in Radio Biagio Antonacci con un nuovo singolo estratto dal nuovo album, “Dediche e Manie, dal titolo “Mio Fratello”.

Oltre a Biagio Antonacci, il brano vede la partecipazione del giovane esponente della musica Siciliana, Mario Incudeine che duetta nel dialetto della sua regione. Nel video saranno presenti per la prima volta insieme Giuseppe e Rosario Fiorello, regista del video Gabriele Muccino.

“Tu ça talii a mia pensa a taliari a tia
Lassami campari nuddu mi po’ giudicari
Tu ça talii a mia pensa a taliari a tia
Lassami cantari chista è sulu na canzuni
Calatili tutti li occhi se vi truvati davanti a li specchi
Ca tuttu chiddu ca nun si pò ammucciari
Agghiorna come la luci do suli
Tira la petra cu è senza piccatu
Nun c’è cunnanna nun c’è cunnannatu
Haiu vistu lu munnu vutatu
La pecura zoppa assicuta lu lupu

Mario_Incudine1.jpg

…Racconta “una storia universale di una e mille famiglie, in cui un fratello si perde e l’altro resiste nell’attesa di vederlo tornare. Quando questo ritorna e bussa alla porta, la certezza del perdono è così orte da scacciare via il passato. Il brano è quindi la metafora di , perchè quando si perdona qualcuno è sempre un giorno felice, che prelude al cambiamento e che elimina ogni dolore”.

Il video prodotto da iblafilm s.r.l. per conto di Iris s.r.l. è girato a Roma nell’azienda agricola Alpa, racconta la storia di due fratelli Siciliani che ritrovano : un nuovo incontro e un nuovo inizio.

I protagonisti del video, Rosario e Giuseppe Fiorello, fratelli nel cast e nella vita parlano a tutti e per tutti quei fratelli e quelle sorelle che la vita porta a smarrirsi, a smettere di ricordarsi e di comunicarsi chi sono. Come afferma Muccino : “Beppe è l’attore contemporaneo perfetto, più fedele alla recitazione classica. Rosario è esplosivo e trasforma tutto quello che lo circonda in un mondo unico rendendolo straordinario”.

Non ci resta che goderci questo brano formato da una Inedita coppia “Antonacci -Incudine” dal ritmo coinvolgente con un testo pieno di riflessioni.

“Ultra Pharum”, il video ufficiale. Samuel e Mannarino, elettronica e folk si intrecciano e trovano ispirazione guardando il mare Siciliano

«j’ai dansé sous les nuages. Je suis perdue, la nuit, sans ton amour».

mannarino-samuel-600x340samuel-mannarino-red-bull-studio-mobile-1

Ultra Pharum è la canzone della coppia inedita Samuel-Mannarino, scritta e registrata a bordo del Red Bull Studio Mobile. È un brano creato al sole della Sicilia, davanti al mare, con gli occhi puntati Oltre Il Faro,che poi era il nome dell’isola al tempo del Regno delle Due Sicilie. Per cercare la massima ispirazione per il brano con la luce del giorno Samuel e Mannarino hanno passato un po’ del loro tempo a Castellammare del Golfo. Hanno immaginato le storie e le vite passate, annegate, vissute al di là del faro, appunto, lungo la rotta sventurata Africa-Europa.

Durante la session hanno conosciuto una ragazza del posto madrelingua francese, Benedetta di Pasquale, e lei è diventata la voce femminile di Ultra Pharum. «Abbiamo deciso di inserire nel brano le sensazioni e le persone vissute di giorno in giorno», racconta Alessandro Mannarino. «Per esempio c’era un centro di accoglienza che ospitava giovani senegalesi: siamo andati a conoscerli e li abbiamo invitati»